La P.A.T. sospende la Variante 14 al P.R.G. di Arco

Sembrerebbe che il punto 3, quello cioè che riguardava l’utilizzo dello strumento della compensazione urbanistica nella Variante 14, verrà sospeso. Circa 50.000 mc di cemento in meno verranno riversati sul territorio di Arco.
La Variante dovrà essere modificata e molte delle operazioni più impattanti rimandate a data da definire.
Più volte era stato ribadito dal MoVimento 5 Stelle di Arco sin dalla campagna elettorale delle ultime comunali, dalle associazioni ambientaliste e da vari comitati di cittadini, che l’utilizzo dello strumento della compensazione, maggiori cubature in cambio di interventi di presunto interesse pubblico, all’interno di questa operazione urbanistica, non fosse legittimo.
La PAT, fatti gli opportuni accertamenti, si è trovata nella situazione di non poter approvare la Variante per quel che riguarda questo aspetto, il punto focale della Variante stessa.
I valori di perequazione stabiliti dall’ufficio tecnico si sono rivelati non attendibili, con un ipotetico danno per l’interesse pubblico.
Il MoVimento 5 Stelle, anche attraverso la mozione presentata in Consiglio Provinciale dal Portavoce Filippo Degasperi e votata favorevolmente solo dallo stesso, ha sollevato con forza i dubbi dei molti cittadini attivi, obbligando l’assessore provinciale Daldoss a rianalizzare le varie operazioni del documento che trattavano la compensazione, con il risultato per la PAT di non poter approvare il documento così come era stato definito dall’amministrazione comunale di Arco.
Solo pochi giorni fa durante la votazione in commissione urbanistica di Arco, l’unico voto contrario era stato quello del MoVimento 5 Stelle che per l’ennesima volta aveva voluto ribadire l’illeggitimità di gran parte di questo documento.
Ora si vocifera di rimborsi dovuti ai privati o di eventuali ricorsi da parte degli stessi; importante chiarire che la Variante 14 è stata approvata solo in prima adozione, e che nessuna concessione edilizia è stata staccata dall’ufficio tecnico, quindi nulla è dovuto ai privati, ne per quel che riguarda le operazioni paventate nel documento, ne per quel che riguarda i vincoli espropriativi, che saranno ora tutti da rivedere.
Quello che il MoVimento 5 Stelle auspica è che questo possa essere un nuovo inizio su come trattare l’urbanistica sul territorio comunale e non solo.
Le Varianti non possono e non si devono sostituire ai PRG, e le amministrazioni sono tenute a svolgere il proprio compito in modo puntuale e preciso.
Più volte abbiamo sentito parlare di cavilli, ma si sa, sono i dettagli a far la differenza.

Filippo Degasperi, Giovanni Rullo Gabriella Santuliana per il MoVimento 5 Stelle

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...