M5S Riva del Garda: eletti 2 portavoce!

Finita la battaglia…inizia la guerra. Saranno cinque anni duri, i prossimi. Perché abbiamo preso atto ieri che i Rivani non vogliono o non sono pronti al cambiamento. O peggio ancora, non sanno cosa aspetta loro nei prossimi anni. All’incirca un 27% delle persone che vivono a Riva del Garda, ha scelto a nome degli altri 73% quale progetto di futuro dobbiamo subire. I numeri sono il risultato delle magie delle nostre leggi e anche dall’indifferenza di gran parte della popolazione. Se mettiamo in conto che parte di quel 27% ha venduto il voto in cambio di una bottiglia di vino, di una spesa al supermercato o qualche altro regalo, un piccolo pensiero sulla riuscita dell’evoluzione della specie umana lo faccio.
Ieri, accompagnando lo scrutinio, guardando quelle brave signore a scrivere con la matita su libroni, con schede anch’esse segnate a matita che giravano sui tavoli, un lavoro di 5 ore, a notte inoltrata, per contare 642 voti mi è venuto in mente che nelle ultime elezioni brasiliane, dove sono andati a votare più di cento milioni di elettori, dopo due ore è uscito il risultato perché il voto è elettronico. Effettivamente, in Italia siamo attaccati alle tradizioni e il cambiamento si fa fatica a digerire. Il nuovo rompe le certezze e questo spaventa. Anche quando queste certezze ci hanno portato al disastro e spendiamo il nostro tempo al bar a lamentarci.
Comunque manca anche tanta informazione. Stiamo entrando in un’emergenza ambientale che può mettere a rischio la sopravvivenza della nostra specie ma la gente è preoccupata ancora col calcio e i gossip che riguardano i vip. Nel 2004 in oriente, sono state tantissime le persone morte in occasione dello tsunami, semplicemente perché anche se avvisate del pericolo, sono state lì a guardare l’arrivo dell’onda, senza rendersi conto del rischio e quando hanno voluto scappare era troppo tardi. Stiamo facendo la stessa cosa per quanto riguarda il nostro territorio coll’aggravante che lo tsunami ambientale che ci travolgerà è invisibile. Ma va bene, avanti col cemento, con la speculazione, col turismo selvaggio, con il consumo di terreni agricoli. Il 27% ha deciso per noi che va bene così.
Va bene il finanziamento delle associazioni in modo clientelare, senza criteri oggettivi e a seconda del grado di prossimità amicale, parentale o politica. Così Riva continuerà la sua inesorabile marcia in direzione delle vette più alte del mondo della cultura e dell’intrattenimento. I giovani e anche tanti meno giovani ringraziano.
Vanno bene anche le opere pubbliche inutili e sovrastimate, oltre alle consulenze infinite e milionarie. Va bene spendere milioni con progetti contradditori e irrealizzabili, tanto, sono soldi pubblici, perché la parsimonia?
Va bene avere sempre più persone disagiate e disperate in un posto così ricco. Va bene l’insicurezza crescente nei rioni. Va bene la qualità delle acque del lago. Va bene chiudere posti di lavoro regolari e importare mano d’opera a lavorare in nero. Va bene. Va bene tutto.
In realtà non va bene niente e il 27% dei rivani ha deciso per noi che dobbiamo sopportare tutto questo in silenzio. Ma non sarà così. Non ci accontentiamo e non resteremo in silenzio. Noi siamo quella (ancora) piccola parte di gente onesta e consapevole, che non ha venduto il voto e vuole semplicemente che le cose funzionino nel rispetto di tutti e dell’ambiente. Noi non abbiamo interessi nascosti, non ci battiamo per arrivare al potere per il potere, non vogliamo vivere da nababbi ma sì da cittadini inseriti in una comunità giusta e pulita…e soprattutto, abbiamo la fedina penale immacolata e non siamo qui per rubare.
Inizia la guerra. Armi dispari, forze disuguali a dismisura ma ci siamo. Combatteremo. Abbiamo la forza delle idee e della ragione. Abbiamo bisogno dell’appoggio di tutti quelli che sono con noi, che hanno in comune i nostri obiettivi. Cercheremo di portare in comune la democrazia diretta e faremo di tutto per bloccare i progetti faraonici che stanno progettando. Non sarà facile, ma sono sicuro che con l’unione di tutte le persone per bene, anche quelle che oggi sono deluse e/o addormentate, l’onestà andrà di moda e riusciremo a cambiare questo paese. Grazie a tutti!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...