Riconoscimento di pubblico interesse alla sede di Via Pacis

La decisione di fine dicembre della Giunta provinciale di destinare 1,2 milioni di euro per la costruzione della nuova sede internazionale di Via Pacis ad Arco, senza che l’Assessora competente Sara Ferrari ne sapesse nulla, stando alle sue dichiarazioni, continua a destare stupore e contrarietà, in particolare all’interno della Comunità arcense e del mondo associazionista cattolico perché obiettivamente è difficile convincersi che la nuova sede rivesta carattere di pubblica utilità, causa del generoso contributo.

Per comprendere da cosa nasca l’assegnazione della funzione di interesse pubblico all’opera in costruzione presso Via Monte Baldo ad Arco occorre risalire alla delibera della Giunta comunale arcense n. 133 del 02 settembre 2014 con la quale l’Amministrazione comunale ha riconosciuto la pubblica utilità per, come si legge nel testo della delibera, “consentire all’associazione una tempestiva presentazione dell’istanza di contributo alla Provincia di Trento, alla quale andrà allegato il provvedimento di dichiarazione di utilità”. La domanda di accesso al contributo in virtù della Legge regionale 05 novembre 1968 n. 40  risale infatti al novembre 2014, come dichiarato sui giornali dal Presidente Maino. Di fatto, quindi, è evidente che Via Pacis ha potuto fare domanda di contributo e vedersi assegnati dalla Provincia 1,2 milioni di euro grazie all’Amministrazione comunale di Arco.

Questa circostanza era stata oggetto, tra l’altro, di una nostra interrogazione del 02 ottobre 2014 nella quale davamo risalto a quanto sopra citato e chiedevamo inoltre spiegazioni sul perché Via Pacis non avesse ceduto a titolo gratuito al Comune l’intera superficie avente nel P.R.G. destinazione di verde pubblico per complessivi 2.780 mq, causando la perdita di circa 850 mq di verde pubblico stesso a favore della collettività. Spiace dover constatare che quanto da noi sollevato più di un anno fa non avesse riscontrato allora l’interesse che ha oggi, in virtù dello stanziamento del contributo provinciale e che il clamore arriva sempre a fatti accaduti e mai prima.

Comunque, rispetto a quanto è apparso nei giorni scorsi sui giornali sul tema, riteniamo che questo chiarimento possa rasserenare coloro che di fronte alle dichiarazioni del Presidente di Via Pacis e ancor più dell’Assessora (a sua insaputa) Ferrari avrebbero potuto supporre si fosse trattato solamente di “grazia divina”.

Giovanni Rullo

Consigliere comunale M5S Arco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...